Il Museo Del Louvre a Parigi

Louvre ParigiVisto che l’articolo su dove fare shopping a Parigi è stato un successo, continuiamo la nostra avventura per le strade della capitale francese con un appuntamento culturale imperdibile.

Se c’è un museo che non può mancare anche nella più fugace visita di Parigi questi è sicuramente il Louvre.

Definito non a torto il museo più famoso del mondo, sorge in un edificio un tempo adibito a fortificazione, poi convertito a residenza reale dei sovrani francesi sino al 1793, anno della realizzazione del Muséum Central des Arts.

L’accesso è dalla maestosa piramide di vetro dell’architetto Ming Pei, opera del 1981 prima aspramente criticata ed oggi oramai nelle grazie dei parigini.

Sia chiaro: visitare il Louvre in una giornata non è un’impresa facile. I 4 piani del museo, infatti, con le circa 30.000 opere esposte, sono veramente smisurati, ed è indispensabile studiare i percorsi più adatti e procurarsi una guida per ottimizzare la visita senza giri a vuoto.

L’ultima volta che sono andata, per esempio, per il solo fatto di essere entrata dalla parte che conoscevo di meno, mi sono ritrovata in uno stanzone pieno di nuovi giochi di slot che tenevano impegnati dei signori di mezza età decisamente poco vogliosi di parlare con me.

GiocondaQuesto per dire che il palazzo del Louvre è uno dei più grandi, interessanti, e misteriosi che possano capitare di visitare. Ci sono talmente tante cose nascoste al suo interno che diventa difficilissimo riuscire a vederle tutte anche solo nell’arco di una vita intera.

Il museo è a forma di U ed è diviso in 3 ali (Sully, Richelieu e Denon), ciascuna sviluppata su 4 piani. 8 sono i dipartimenti principali: antichità orientali, antichità Egiziane, antichità greche, estrusche e romane, arti dell’Islam, sculture, oggetti d’arte, dipinti, arti grafiche.

Quali che siano le vostre intenzioni, non dimenticate un “saluto” alla Gioconda. O ad altre opere fondamentali, come la Vergine delle Rocce (sempre di Leonardo), il San Giorgio e il Drago di Raffaello e sculture del calibro della Nike di Samotracia o della Venere di Milo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *